Il coaching nutrizionale

Mi occupo di coaching nutrizionale che è un modo innovativo di vedere la nutrizione, proprio perché l’obiettivo non è di fornire un piano nutrizionale ai miei assistiti, ma è quello di seguirli in un percorso di cambiamento del loro stile di vita.
Il coaching nutrizionale non parla solo di alimentazione, ma parla di un raggiungimento di un obiettivo percorso insieme, per cui cerco di dare le risposte che sono necessarie all’interlocutore per raggiungere un obiettivo che fissiamo assieme. I miei interlocutori sono soprattutto interlocutori in ambito sportivo; mi occupo di Juventus, di nutrizione ed integrazione di strategie nutrizionali per la prima squadra e la Primavera; mi occupo delle nazionali di calcio italiane, per cui di tutte le nazionali femminili e maschili dove ho dei nutrizionisti che io segue e invece personalmente mi occupo della Nazionale maggiore.

Il coaching nutrizionale è un modo innovativo di vedere la nutrizione perché ci consente di capire quali sono le problematiche di approccio come stile di vita della persona nei confronti degli alimenti e non solo: di come gestire gli orari in cui alimentarsi, di come gestire la scelta dell’alimento stesso e di come gestire le difficoltà relative ad orari di allenamento, relative al lavoro che ci impone dei ritmi molto serrati e difficili e quindi, sostanzialmente, il coaching si occupa di trovare delle soluzioni adatte a questo soggetto, non è il soggetto che si deve adattare alle soluzioni, ma, alla rovescia, le soluzioni che devono venire incontro un po’ alle esigenze del soggetto.
La corretta alimentazione non riguarda soltanto la composizione corporea; fino a qualche anno fa si pensava alla nutrizione soltanto quando si doveva dimagrire per Natale o pochi altri cosi, quindi si deve perdere grasso, si deve mettere un po’ di massa muscolare, ci si deve un pochino sistemare dal punto di vista estetico, oppure in alcuni casi si faceva riferimento a delle problematiche di tipo clinico tra cui il diabete o l’ipertensione o quant'altro… tutte cose giustissime che riguardano ancora in maniera approfondita la nutrizione, oggi però sappiamo che nutrizione ci può supportare su altre cose, ad esempio lo stato emotivo: ci sono dei bellissimi lavori scientifici che ci parlano dell’assunzione di alcuni acidi grassi e dello stato psicologico conseguente, per cui si può contrastare la depressione o contrastare delle condizioni mentali sfavorevoli; oggi sappiamo benissimo che la nutrizione ci può aiutare dal punto di vista articolare, io dicevo appunto articolare, dicevo stato mentale, quindi la nutrizione ci può aiutare nel preservare la nostra salute ed arrivare negli anni futuri, quindi sostanzialmente in età avanzata, ad avere delle buone condizioni fisiche; questo è un passo che oggi l’alimentazione ha l’obbligo di percorrere.
Oggi si parla di diete soltanto dal punto di vista calorico, del tipo di alimenti da inserire nei programmi, anche questo è abbastanza riduttivo perché, nella volontà e nella speranza di dare tutto a tutti, si è perso un po’ l’orientamento di quello che è la qualità della produzione delle materie prime, dell’allevamento degli animali, delle verdure, della frutta, per cui sostanzialmente la ricerca è anche quella di produttori che ci consentano di avere un prodotto finale di buona qualità dal punto di vista organolettico e non inquinato da sostanze che possano causare un danno al nostro organismo; di conseguenza la ricerca di produttori, di fornitori che producano, che abbiano materie prime con una valenza salutistica elevata è fondamentale.
Lavorare con gli atleti d’élite è un po’ come lavorare in laboratorio, noi facciamo degli interventi nutrizionali che poi andiamo a misurare ed i risultati ottenuti possono poi essere trasferiti a coloro che vogliono seguire uno stile di vita sano.
Questa esperienza mi ha permesso di poter iniziare collaborazioni con aziende nella ricerca e nello sviluppo di prodotti che possano avere delle valenze salutistiche per la popolazione; prodotti sviluppati con “Noberasco”, prodotti sviluppati con “Dalla Costa alimentare”, per cui parliamo di frutta secca, semi oleosi e pasta e la ricerca appunto di cereali che possano essere interessanti dal punto di vista nutrizionale e possano essere fruibili a tutti coloro che vogliono il benessere.
l blog Matteo Pincella ha fondamentalmente lo scopo di prendere tutto quello che viene pubblicato a livello scientifico e cercare di filtrarlo per renderlo disponibile a chiunque voglia approcciare la nutrizione ed a chiunque voglia avere degli spunti operativi semplici da seguire.
Condividi facebook share twitter share pinterest share
Siglacom - Internet Partner